BigBugBlog

BigBugBlog

Big Bug Blog

This blog is for what about the Bug...the Big Bug or that I call 'Il Grande Baco'.

We could discuss about nothing for hours...or important ideas for just a second.

You can find info about the Big Bug seeing the web page: http://skinworld.it/menu/ilbaco.html

This page will be updated frequently.

All inspiration is inspiring Life.

Welcome!

C'era una volta...

Big Bug DiscussionPosted by Skin Wed, January 20, 2016 22:00:33
Una volta c'era la televisione. Si iniziava con le prove tecniche di trasmissione...

Ora c'è il Big Bug Blog e si inizia con prove tecniche di sbacata...

Capiremo cosa sia una sbacata e cos'è il Grande Baco, o più brevemente il Baco (...e mi raccomando la 'B' maiuscola!).

Sbacata 05-01-15 mattina: Frammento 5102-15

Sogno una tazza da latte che cade e si rompe e un piatto di riso integrale con il cavolo. La mattina mentre lavo la tazza del latte questa mi si rompe e poco dopo mi arriva un messaggio di una amica che dice che "col cavolo" vuole mangiare del riso integrale. La cosa stupisce perché questa frase era avulsa dal contesto e io non avevo accennato a tale concetto...almeno consciamente...



  • Comments(2)

Fill in only if you are not real





The following XHTML tags are allowed: <b>, <br/>, <em>, <i>, <strong>, <u>. CSS styles and Javascript are not permitted.
Posted by Skin Sat, January 23, 2016 17:38:50

Questo tuo commento è molto affascinante. Senza che ci mettessimo d'accordo, anticipi alcuni concetti chiave per la comprensione di cosa possa esserci dietro il Baco (ma anche sotto, o di fianco se preferisci). Affascinante perché significa che il Baco ha accettato questo blog e ne è partecipe, aiutandoci a costruirlo in modo spontaneo.

Per rispondere invece alle tue considerazioni ti posso dire che nel sogno, mentre vedevo le cose descritte, ne ripetevo a voce alta il nome come una visualizzazione, quindi sì, il cavolo era un cavolo del cavolo, e non una verza purtroppo. Questo significa che l'apparato sensoriale attivo era l'udito, associato alla vista ovviamente. In questo sogno niente odori ma in altri sogni invece sì...dipende dalle volte. Forse il cavolo puzza troppo per il mio subconscio...
É la consequenzialità di causa ed effetto che è importante. Di sicuro potrebbero anche essere ammanchi di memoria...sì, ma di ricordi futuri...visto che si sono avverati qualche ora dopo! Preferisco non correre troppo...per ora...anche il tempo avrà il suo tempo.

Per ogni cosa l'Uomo tende a cercare le spiegazioni, da qui la causa dovuta ad ammanchi di memoria, che hai citato, va benissimo...ci sta nella misura detta.

Quello che, per ora consiglio di fare qui, è osservare passivamente ciò che succede e vedere se gli eventi che sembrano scorrelati si correlano...o se le cose consolidate si sgretolano. Tutto e il contrario di tutto o forse tutto è il contrario di tutto.

A questo punto, quindi, è bene capire cosa cercare all'inizio.
Il Baco si nasconde nelle coincidenze che sono troppo coincidenze per essere coincidenze. Queste possono essere relazioni tra cose associate a percezioni sensoriali, coscienti o nel subconscio, di momenti temporali differenti o addirittura spaziali. Relazioni tra cose scorrelate che portano alla medesima conclusione, reale, astratta e a volte anche leggermente forzata se vuoi. Ci sarà il momento in cui spiegherò meglio.
Partiamo con il postare queste 'strane' coincidenze che per brevità ho chiamato Frammenti. Questo perché spero (in realtà ne sono già convinto e consapevole) che prima o poi si uniranno a mostrare parti di Baco...e ti assicuro che sarà così anche per voi.

Sul sito www.skinworld.it, tra una cavolata 'inodore' e l'altra ho creato la sezione per il Baco. Per ora ho scritto molti concetti ma li ho lasciati in pagine nascoste che attiverò man mano che emergeranno nel blog...cioè nel momento in cui il Baco deciderà che è...il momento...

Posted by King Bread Fri, January 22, 2016 12:48:51

Ci sarebbe da chiedersi se hai avvertito o no l'odore del cavolo, o se hai avuto percezioni sensoriali di altro tipo nel sogno. Spesso conferiamo, a posteriori, l'identità a oggetti poco definiti. La nostra mente "ripara" gli ammanchi di memoria inventando e giustificando a posteriori. Magari era verza. Che col riso è pure più buona.